Teatro sociale per i 35 anni della Comunità Emmanuel

Ci arriva direttamente dal nostro Consigliere Daniele Ferrocino un’interessante iniziativa che replichiamo e promuoviamo direttamente.

continuano gli eventi che stiamo organizzando in occasione dei 35 anni della Comunità Emmanuel.
Quello che vi presento è uno spettacolo di teatro sociale che sto organizzando in particolare per richiamare i temi propri del Consorzio Emmanuel: la cooperazione e l’impresa sociale come strumento per promuovere la legalità, la giustizia,  la formazione della coscienza civica e l’orientamento per le nuove generazioni. Si tratta di un monologo scritto ed interpretato da un caro amico che è anche un educatore e responsabile di una cooperativa sociale in quel di Cerignola.
Uno spettacolo di teatro sociale che ci porta a rileggere in maniera critica la nostra storia, facendoci riflettere su come abbiamo trattato l’eredità lasciataci da figure come quella di Di Vittorio che, fra l’altro, è stato fra i padri della cooperazione in Puglia e il paladino della cultura e della scuola come strumenti di lotta per la giustizia e di riscatto dei soggetti più deboli ed emarginati.
Uno spettacolo che ci porta anche a fare i conti con fenomeni di servilismo e indifferenza che a prima vista appaiono innocui, ma che in realtà alimentano le mafie di ogni tipo e ci rendono tutti assai permeabili ai soprusi ed agli sfruttamenti.
Insomma uno spettacolo che sintetizza tutto ciò che dovrebbe animare una vera impresa sociale!
Per tutti questi motivi, e per tanti altri che spero scoprirete da voi, Vi aspettiamo numerosi il 10 aprile prossimo presso il Centro “Le Sorgenti” sulla Via Lecce-Novoli a Lecce.Scheda di adesione Una Croce d’Olio

Auguri a Mons. D’Ambrosio

Un augurio al nostro Vescovo Mons. D’Ambrosio per i suoi 25 anni di ordinazione episcopale da parte della Fondazione di Comunità del Salento, dai Suoi Consiglieri, dal Presidente, dal Segretario Generale e da tutti gli aderenti.

Il 6 gennaio 1990 Papa Wojtyła ordinò a Roma il nostro Vescovo alla volta di Termoli, il legame particolare tra il Papa e il nuovo vescovo avrebbe accompagnato la propria missione per tutta la vita.

Oggi si celebra il venticinquesimo anno dall’ordinazione e nella Cattedrale di Lecce si celebrerà il giubileo episcopale.

La Borsa della Responsabilità Sociale d’Impresa ha dato i suoi frutti

Si è appena conclusa la Prima Borsa della responsabilità sociale d’impresa 2014, una due giorni ricca di spunti di riflessione e azioni progettuali concrete rivolte allo sviluppo del territorio salentino e del Sud Italia in generale. I momenti maggiormente rappresentativi delle diverse attività sono stati quelli che sia il 28 che il 29 hanno coinvolto una grande presenza di enti, associazioni e cittadini che hanno approcciato una reale azione di progettazione partecipata.

Il 28 si è tenuto il convegno nazionale “Un nuovo modello di welfare: il ruolo della Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno” che ha visto protagonisti, in particolare diversi segretari generali e presidenti delle Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno. La splendida introduzione del prof. Franco Riva della Cattolica di Milano che ha “ceduto” il titolo del suo libro “Ripensare la Solidarietà” quale pay off della Fondazione di Comunità del Salento, per tale motivo ha introdotto delle tematiche innovative legate al termine stesso di solidarietà “termine posto sul lato stesso dei doveri inderogabili quasi in contrapposizione con i diritti inviolabili, ma che invece rientrano nel concetto di compensazione ponendo la solidarietà dopo i diritti, il ripensare la solidarietà è proprio la possibilità di uscire da questa idea”. Questa la splendida disamina del ruolo della solidarietà soprattutto nei contesti difficili dove ci troviamo ad operare.

_D7G3753

Successivamente ha preso la parola il Presidente della Fondazione di Comunità del Salento Ada Chirizzi che ha ospitato la Borsa appena inaugurata. Il Presidente ha illustrato il quadro d’insieme delle condizioni sociali ed economiche del nostro territorio e ha ribadito il compito della Fondazione di Comunità del Salento e gli obiettivi dell’evento in avvio che ha voluto avvicinare il profit e il non profit in azioni progettuali concrete e sinergiche.

L’intervento ha suscitato consensi e generato ulteriori domande tra il pubblico che ha plaudito all’iniziativa e ha voluto incentrare il senso dell’evento sugli aspetti maggiormente pratici sul concetto della Responsabilità considerandola alla base di una condizione legata alle diverse azioni sociali di coesione dei territori.

A fornire ulteriori spunti di riflessione è stato il magistrale intervento del Presidente della Fondazione con il Sud Carlo Borgomeo che ha insistito sul tema della Comunità quale soggetto attivo di coesione sociale che espleta il proprio ruolo soprattutto nel lungo periodo e quindi di conseguenza anche la Fondazione di Comunità ha l’obiettivo di essere un punto di riferimento responsabile per un territorio. Il presidente Borgomeo ha dichiarato testualmente “le fondazioni di comunità non sono una specie di club dei puri e duri, le fondazioni di comunità sono quegli enti che sono nella realtà quotidiana con le unghie e con i denti, e proprio in quel senso di comunità che devono sperare, affinché la propria reputazione cresca e siano un valore etico incontestabile e di stabilità per il territorio”.

Con l’occasione ha fatto un breve saluto il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone aderente in qualità di fondatore, ha rimarcato che “in questo momento così difficile come quello che stiamo vivendo, con la crescita della disoccupazione e la perdita di ricchezza, non ci troviamo particolarmente pronti a condividere alcuni concetti anche per via delle condizioni della politica in generale. Ma è proprio questa la straordinaria intuizione della Fondazione che invece ha anticipato qualcosa che diventa fondamentale in termini di responsabilità umana, consentendo di vedere in un futuro poco roseo, un minimo di speranza”.

Subito dopo è stata la volta di Carola Carazzone, Segretario generale di Assifero, l’associazione nazionale che riunisce le fondazioni di erogazione che ha dichiarato “l’approccio delle fondazioni erogative è stato sempre di tipo risarcitorio, mentre il passaggio alle fondazioni di comunità e le loro azioni consente di avere un approccio rigenerativo e collaborativo declinando un NOI effettivo.”

Anche i rappresentanti delle Fondazioni di Comunità del Centro Storico di Napoli e di quella di Salerno rispettivamente Mario Massa e Andrea Pastore hanno puntato il faro sull’azione diretta che le Fondazioni attuano sul territorio e sulle modalità reali di contrasto alla povertà.

Durante il secondo giorno i tavoli tematici di progettazione partecipata hanno tenuto banco con diverse proposte e suggerimenti grazie agli interventi essenziali del prof. Andrea Volterrani sociologo esperto in welfare dell’Università Tor Vergata di Roma e del presidente Stefano Granata del Consorzio Gino Mattarrelli che riunisce 70 consorzi di cooperative sociali italiani. Al termine dei lavori dei tavoli che hanno rappresentato la vera e propria Borsa, sono state presentate diverse idee progettuali sulle quali la Fondazione di Comunità del Salento punterà la propria attenzione nel corso della prossima annualità.

Nella giornata finale, oltre a fare un riepilogo sintetico delle tematiche affrontate sono stati conferiti i Premi della Solidarietà per l’anno 2014, all’Associazione Libera di Don Ciotti per “l’opera meritoria di contrasto alle mafie e di promozione dei principi di legalità e giustizia” e al dott. Oronzo Sticchi fondatore e titolare della Svic di Lecce “che si è distinta per la costante attenzione allo sviluppo del territorio aprendosi a forme innovative di collaborazione con enti non profit coniugando capacità di visione, solidarietà concreta ed operativa e disponibilità al dialogo e la lavoro condiviso”.

_D7G3936 _D7G3927

Inoltre durante la fase finale hanno preso parte alle attività il laboratorio di promozione sull’uso sostenibile del farmaco nell’ambito del progetto Green Health dell’Associazione APMAR e sostenuto dalla Fondazione con il Sud e una presentazione dell’Emporio della Solidarietà della Comunità Emmanuel, dove diversi imprenditori locali hanno manifestato reale interesse per l’iniziativa appena conclusa.

Infine un ulteriore e doveroso ringraziamento va ai fondatori iniziali della Fondazione e a tutti i partecipanti e aderenti che credono nelle azioni di azione sociale diretta erogate e ai tanti enti e organizzazioni che dopo questo evento si stanno avvicinando alla Fondazione di Comunità del Salento per prenderne parte attiva e fornire supporto effettivo.

Conferenza Stampa della Borsa della Responsabilità Sociale d’Impresa

Domani 19 novembre alle ore 10,30 all’Hilton Garden Inn di Lecce, si terrà la Conferenza Stampa della Borsa della Responsabilità Sociale d’Impresa 2014, primo evento della Fondazione di Comunità del Salento. Interverranno il Presidente della Fondazione Addolorata Chirizzi, il Consigliere Daniele Ferrocino, il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone.

Siete invitati a partecipare, durante la conferenza stampa verrà presentato il programma dell’evento e le modalità di svolgimento, non mancate.

 

Borsa della Responsabilità Sociale d’Impresa 2014 al via le iscrizioni

La Borsa della Responsabilità Sociale d’Impresa 2014 è alla griglia di partenza per iscrizioni e adesioni di Enti non profit, Imprese sensibili al mondo del welfare, enti pubblici ed enti locali.

L’evento realizzato grazie al sostegno di CCIAA di Lecce con patrocinio della Provincia di Lecce e sostegno diretto dei Soci Fondatori della Fondazione di Comunità, aprirà i suoi battenti il prossimo 28 novembre e durerà per altri 2 giorni presso l’Hilton Garden Inn di Lecce che ha gentilmente concesso gli spazi espositivi.

L’evento ha l’obiettivo di valorizzare l’opera della Fondazione di Comunità del Salento, promuovere le azioni di sostegno al territorio nel settore del welfare e dare opportunità di formazione e di sviluppo erogando gratuitamente workshop, convegni e dibattiti pubblici con interessanti testimonial. Per le adesioni potete cliccare direttamente nella pagina corrispondente, clicca qui.

Logo Borsa2014

Il Primo Ottobre Giornata Europea delle Fondazioni

IL 1° OTTOBRE SI CELEBRA

LA GIORNATA EUROPEA DELLE FONDAZIONI E DEI DONATORI

Seconda edizione dell’evento che unisce tutta l’Europa attorno ai soggetti che operano per il bene comune. Tema dell’edizione italiana 2014: “Welfare di comunità: il ruolo delle Fondazioni”

La seconda giornata europea delle fondazioni e dei donatori si è tenuta lo scorso 1° ottobre. È organizzata da DAFNE, il network europeo dei donatori e delle fondazioni, che unisce 24 associazioni di fondazioni filantropiche di diversi Paesi europei in rappresentanza di oltre 6.220 fondazioni aventi finalità di pubblica utilità. Anche in questa seconda edizione lo scopo della giornata europea è di portare alla conoscenza di tutti il lavoro che quotidianamente le fondazioni svolgono nel nostro continente e promuovere la cultura della filantropia. La rete delle fondazioni aderenti a DAFNE contribuirà organizzando eventi nei 24 Paese di origine in occasione di tale giornata.

Il tema “Welfare di comunità: il ruolo delle Fondazioni”, scelto congiuntamente da ASSIFERO con Acri per celebrare la Giornata Europea delle Fondazioni nel 2014, vuole essere l’occasione per raccontare quanto grazie alle attività di ciascuna Fondazione si può realizzare in una comunità, ma anche per riflettere insieme sul ruolo della comunità: su quanto le fondazioni e le comunità di appartenenza fanno e sempre più possono, e dovrebbero, fare insieme con tutti i soggetti che operano sul territorio: organizzazioni del volontariato e del terzo settore, enti locali, imprese profit e altri corpi intermedi della società come gli ordini professionali e le organizzazioni di rappresentanza collettiva.

La Fondazione di Comunità del Salento Onlus aderente ad ASSIFERO, partecipa all’iniziativa europea condividendone gli intenti e promuovendo le azioni locali di supporto al welfare. A breve si realizzeranno i “Forum della Solidarietà” presso la nuova sede operativa della Fondazione a Lecce che avranno l’intento di attivare un dialogo produttivo e operativo con gli enti e le organizzazioni non profit del territorio per condividere le proposte e le progettualità da sostenere ed attivare.

Il segretario generale Gabriele Ruggiero dichiara “un nuovo percorso di welfare ci aspetta, soprattutto considerando che i progetti e le attività non si portano avanti da soli, la corresponsabilità del contrasto alle difficoltà di un territorio devono assolutamente portare ad una condivisione di intenti e di oneri, questo ci aspettiamo da un cammino comune e da un’azione concordata, come quella che può attuare la nostra fondazione”.

 

Un manifesto per il Terzo Settore

E’ proprio questo il punto del convegno tenutosi ieri intitolato “Fiducia e nuove risorse per la crescita del Terzo Settore” che si è tenuto al foyer del Teatro Politeama Greco di Lecce. Il Convegno fa parte di un road show che toccherà diverse città del Sud e del Nord Italia, tra le prime Lecce. Grazie all’invito degli organizzatori, la nostra Presidente Ada Chirizzi ha illustrato alcuni punti strategici della nostra politica e delle nostre esigenze. Al tavolo dei relatori erano anche presenti Marco Pagano Presidente Alleanza delle Cooperative Puglia, Marco Morganti Amministratore delegato Banca Prossima, Gianluca Budano, Portavoce del Forum del Terzo Settore Puglia, moderava il ricercatore sociale di Euricse Flaviano Zandonai. Il road show supportato da varie sigle del terzo settore tra cui Fondazione con il Sud, Assifero, ACRI ha l’intento di illustrare i punti essenziali di un manifesto sottoscritto al fine di concentrare gli sforzi e le volontà di tutti per andare oltre la crisi, economica e di fiducia del Paese.

Dopo aver ascoltato tutti gli interventi la nostra Presidente ha evidenziato che le effettive criticità del non profit, soprattutto nel nostro territorio, sono purtroppo legate alle azioni che il pubblico non attua più, nello specifico non si parla più di sussidiarietà degli enti non profit, ma addirittura di sostituzione essenziale al fine di soddisfare un bisogno. Inoltre ha puntato il dito sulla nuova Riforma del Terzo Settore, un percorso che a ben vedere potrebbe rafforzarci e portare alla luce le zone d’ombra che sino ad oggi hanno evidenziato poca trasparenza e soprattutto scarso monitoraggio e valutazione dei risultati quali impatti sul tessuto sociale.

A conclusione ha presentato i nuovi progetti in atto che siamo in fase di attivazione, continuate a seguirci per le prossime notizie.10678699_370335496456343_8590338873568374516_n